Spintoni e Costituzione

Al cantiere navale di Ancona, pochi giorni fa, un lavoratore è rimasto schiacciato sotto una porta di mezza tonnellata che stavano montando a mano. Era un operaio del Bangladesh, che lavorava per una ditta in subappalto. Ora è fuori pericolo di vita, pur avendo riportato conseguenze gravi al bacino, alla cassa toracica e all’intestino. Si dirà: storie di ordinari “incidenti” sul lavoro. Naturalmente non sono mai solo incidenti e la presunta ordinarietà è il velo di rimozione che copre la condizione di decine di miglia di lavoratori – in prevalenza stranieri – delle ditte in subappalto. Non è cosa di oggi – Angelo Ferracuti ha raccontato in un bellissimo libro, Il costo della vita, la vicenda di Ravenna di quasi trent’anni fa – ma succede ancora oggi, nonostante battaglie e conquiste, perché la precarietà è dilagata e i diritti rimessi in discussione, tutti, nessuno escluso.

Tuttavia, in questo episodio non c’è solo l’aspetto tragico che ha colpito questo operaio e la sua famiglia. C’è anche la reazione dei lavoratori “stabili” e “garantiti” di Fincantieri. Le RSU – in questo caso la FIOM – insieme alla denuncia che ribadisce da tempo sulle condizioni di lavoro, ha lanciato ai lavoratori la proposta di una trattenuta volontaria in busta paga, a favore della famiglia dell’operaio gravemente ferito. Anche in questo caso, si potrà dire: storie di ordinaria solidarietà. No, non è così; non oggi, non in questo momento di brutale riscrittura della costituzione materiale e di quella giuridica. Non c’è nulla di “ordinario” in questo gesto, che è, invece, un atto politico (quindi umano) di conflitto contro il “diritto di spintone”; perché la rottura dei vincoli di solidarietà sociale è stata, in questi decenni, una parte integrante della battaglia neoliberista contro il mondo del lavoro. Questo gesto politico racconta una reazione contro l’accusa, in larga parte strumentale, rivolta al sindacato di “garantire solo i garantiti”, finalizzata a far apparire i diritti come privilegi, per spazzarli via. Tutto questo non ha nulla a che fare con il tentativo di stravolgimento della Costituzione repubblicana?

Aspettando che cominciasse una riunione, un compagno – tra i più intelligenti, colti e curiosi che io conosca – ha trovato un libricino (custodito nella fornitissima Biblioteca di Storia contemporanea di Fermo), e mi ha letto il brano seguente: “Che cosa sta invece accadendo oggi? …Si riduce l’idea di solidarietà, e torna a farsi sentire l’aggressività del più forte. In forma strisciante ma tangibile questo costume, se dovesse consolidarsi, porterebbe a una riforma costituzionale perversa: avremmo l’abbandono dei deboli, degli emarginati, dei meno protetti al loro destino. Nella democrazia delle relazioni industriali questo fenomeno viene definito – secondo una teorizzazione e una pratica che ci vengono dagli Stati Uniti d’America – il “diritto di spintone”. Questa espressione significa che all’interno di una fabbrica, ma poi anche nella società, per fenomeno indotto, se c’è un licenziamento o qualunque altra cosa che finisce per costituire lesione della personalità, il lavoratore più forte è quello che da lo spintone al suo vicino più debole, meno tutelato, non protetto. Qui viene il secondo aspetto: la caduta della solidarietà sociale può cambiare la democrazia, che è anche e essenzialmente sistema di tutela delle minoranze, in strumento di oppressione da parte delle maggioranze. Potremmo non accorgercene, ma potrebbe essere così.” E’ un intervento del lontano 1989, pronunciato dal Senatore comunista Gianfilippo Benedetti per una ricorrenza della locale Società Operaia. Mi sembra che esso spieghi – oltre al balzo all’indietro della qualità intellettuale di tanto ceto politico – il regresso di coscienza critica, anzi più esattamente l’adeguamento assoluto (bene ha fatto Michele Prospero a ricordarlo) di tanti marxisti pentiti. Quelle parole colgono – così come sanno coglierlo i lavoratori del Cantiere navale di Ancona – che in questa riscrittura della Costituzione si nasconde (neanche troppo velatamente) un ribaltamento delle sue regole e finalità: la democrazia trasformata da terreno di conflitto progressivo, di formazione della coscienza sociale, a strumento di normalizzazione dello stato di cose esistente, del “diritto di spintone” dei forti verso i più deboli, riducendo il potere dei cittadini e dei parlamenti, a vantaggio di esecutivi sempre più controllati da lobby elitarie. A questi spintoni dall’alto , c’è bisogno di contrapporre, il 4 dicembre e dal 4 dicembre, una serie crescente di spintoni dal basso. Le democrazie devono realizzare i diritti, non solo “tutelarli” astrattamente, e regolano il conflitto; ma quando il conflitto viene solo dai più forti, si trasformano – assai più rapidamente di quanto si possa immaginare, soprattutto nelle società virtuali – in un potente strumento di oppressione sociale. Questa, non la “riduzione dei costi della politica” è la posta in gioco.

Categories: Recensioni

Lascia una risposta